nicolas-geant-urban-beekeeping-grand-palais-untapped-cities[1]

Apicoltore a Parigi

Fare il miele in città.

Questa è la definizione più breve che mi viene in mente per definire l’apicoltura urbana; in realtà le cose sono più articolate perché essere apicoltori non significa per forza fare il miele.

main-urban-beekeeper-664x450[1]

Apicoltore a New York

L’utilizzo massiccio di pesticidi nelle campagne è forse la causa primaria per la moria (o sarebbe meglio dire per la sparizione) di milioni di api in tutto il mondo e pensate, la soluzione potrebbe essere proprio la città.

Apicoltore a Hong-Kong

Apicoltore a Hong-Kong

In città non ci sono diserbanti e pesticidi e pur essendoci molte polveri sottili, le api fanno un miele puro e incontaminato. La presenza inoltre di balconi, giardini interni, appartamenti, fioriere e parchi rende Milano, ma anche tutte le altre città italiane, il posto ideale per fare apicoltura.

Le api fanno un miele puro ed incontaminato anche in piena città.

Apicoltore a Tokyo

Apicoltore a Tokyo